Black Sabbath, l’ex batterista Bill Ward vuole una nuova reunion: “Sono aperto a qualsiasi idea.”

A due anni e mezzo di distanza dall’ultima esibizione dal vivo tenuta dai Black Sabbath, andata in scena il 4 febbraio 2017 a Birmingham – città natale dello storico gruppo heavy metal – l’ex batterista Bill Ward (tenuto fuori dall’ultima reunion del gruppo) si dice pubblicamente disponibile a valutare l’idea di un nuovo ricongiungimento: “Ciao a tutti, sono Bill Ward e voglio dire che voglio bene a Tony, Geezer e Ozzy.”, ha esordito in queste ore il musicista in un videomessaggio postato su Twitter, “Voglio bene loro da un sacco di tempo ed è ancora così. Sono aperto a qualsiasi idea che riguardi il suonare assieme in futuro.”

Il musicista, tra i quattro membri fondatori dei Black Sabbath, era stato allontanato nel 2012 a ridosso delle registrazioni dell’album “13” sostituito in studio da Brad Wilk (Rage Against The Machine, Audioslave, Prophets Of Rage) e da Tommy Clufetos (Ozzy Osbourne) dal vivo. Ward – la cui esclusione dall’ultima serie di concerti era stata motivata dalla band come la conseguenza delle cattive condizione fisiche nelle quali lo stesso versava – aveva invece lamentato il mancato raggiungimento di un accordo economico quale motivo principale dietro il suo allontanamento.