Neil Young: non potrà diventare cittadino americano perché ha fumato marijuana.

Prossimo al diventare cittadino americano, Neil Young – canadese di nascita ma da tempo residente negli Stati Uniti, ha visto interrotto l’iter che lo avrebbe presto reso tale a causa del suo utilizzo di marijuana. “Quando di recente ho fatto domanda ho superato il test.”, scrive proprio Young nel corso di un lungo post, “Fu un colloquio molto lungo, nel corso del quale mi fecero un’infinità di domande: poiché avevo risposto in modo sincero, passai. Recentemente mi è stato però riferito che dovrò sottopormi ad un altro test, per via del mio uso di marijuana, perché pare che chi fumi questa sostanza mostri comportamenti problematici.”.

“Il dipartimento di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha emesso un avviso che dice testuale che un richiedente, coinvolto in attività legate alla marijuana, potrebbe non godere del ‘carattere morale necessario’ se viene riscontrato che abbia violato la legge federale anche se tale attività non è da considerarsi illegale ai sensi delle leggi statali o estere. Mi auguro di avere sinceramente dimostrato di possedere un buon carattere morale e di poter votare con coscienza su Donald J. Trump e i suoi colleghi americani candidati (finora ignoti).”.