Tutte le news dal mondo del ‘rock’: LEGGI!

spotify

NUOVO ALBUM PER I RAMMSTEIN

La band tedesca – ferma all’ultimo “Liebe Ist Fur Alle Da”, uscito nel 2009 – sarebbe al momento al lavoro (come rivelato dal chitarrista Richard Kruspe) su una serie di nuovi brani da pubblicare, forse, entro l’anno: “Siamo soddisfatti di come le cose stanno uscendo – ha dichiarato il musicista – Al momento abbiamo tra le mani qualcosa come 35 pezzi”.

IL CATALOGO DEI TOOL PRESTO IN STREAMING

A renderlo noto è direttamente Bloomberg, che riporta come la band di Maynard James Keenan sarebbe attualmente in trattativa per approdare una prima volta sui principali servizi di streaming e download digitale con tutto il proprio catalogo. La mossa – specifica sempre il portale – sarebbe il primo passo necessario per promuovere anche il successore ideale dell’ultimo “10,000 Days”: rilasciato nel 2006.

 

I KORN NON SONO UNA BAND METAL, PAROLA DI JONATHAN DAVIS

Intervistato sull’ultimo album “The Serenity Of Suffering” – uscito ad Ottobre – il frontman del gruppo si è così espresso circa il genere di riferimento della band nel corso di una chiacchierata avvenuta negli studi di KLOS Radio: “Ho sempre avuto un rapporto difficile con la parola “metal” – rivela Davis – Apprezzo e ammiro quella comunità di persone e musicisti ma non siamo i Judas Priest o gli Iron Maiden: quelle per me sono band metal. Basta guardare la nostra storia dall’inizio per capire che tutti hanno sempre fatto fatica ad etichettarci”.

L'EX BASSISTA JASON NEWSTED ELOGIA L'ULTIMO DISCO DEI METALLICA

Il musicista fuori dalla band dai primi anni 2000 è tornato ad esprimersi sull’ultimo “Hardwired…To Self-Destruct” – uscito a Novembre – nel corso di un’intervista rilasciata al magazine Ultimate Guitar: “Il disco è diverso da quelli che sono venuti prima – dichiara Newsted – C’è molta più sostanza e mi pare che la strada intrapresa sia quella giusta. Robert è un grande bassista e lo è sempre stato: il suo apporto al resto del gruppo è notevole”.

 

PROBLEMI PER I QUEENS OF THE STONE AGE

E’ stato infatti denunciato per aver assalito verbalmente un fan – alla richiesta di un autografo – il cantante e chitarrista Josh Homme: recentemente impegnato – in studio come dal vivo – con Iggy Pop per l’album “Post Pop Depression”. La lite – andata in scena quasi 1 anno fa – è stata ripresa dai passanti e postata anche su YouTube, mentre la richiesta di risarcimento (a danno dello stesso Homme) si aggirerebbe sui 25,000 dollari.